Riflessioni relative all’energia dell’anno

Non dobbiamo pensare che ogni anno sia a se stante, anche in questo caso si tratta di un percorso a spirale che ha inizio ogni anno 6 per proseguire in ordine sequenziale fino ad un nuovo anno 6. dunque il 2013 è stato il nuovo inizio poiché ci ha parlato della scelta di noi. l’anno dopo con il carro si è posto l’accento sull’intenzione, e ora con Giustizia troviamo lo specchio ovvero il nostro essere uno con il tutto, ciò che è fuori è lo specchio di ciò che siamo dentro. ecco allora che per prima cosa occorre uscire dalla tendenza di giudicare … cosa sta accadendo dopo aver fatto la scelta di noi e aver chiarito l’intenzione? se lo specchio dovesse riflettere mondi spiacevoli forse è il caso di rivedere questi due punti energetici fondamentali: forse non abbiamo fatto la scelta di noi o forse non abbiamo mantenuto l’intenzione. e se tutto invece va bene ricordiamoci che temperanza è la complementare di Giustizia, ed è il maestro di energia: siamo noi che abbiamo attivato la nostra capacità di far fluire energeticamente gli elementi, il dentro e il fuori, il sopra e il sotto, abbiamo attivato la comunicazione. nel caso opposto il rischio sono le dipendenze.